La citofonia, negli ultimi decenni, si è evoluta sempre di più con apparati via via sempre più curati e funzionali. Tale evoluzione è stata ancora più marcata nella Telefonia, che oggi, con l’avvento del VoIP sta dando origine a nuovi servizi fino a ieri impensabili e a bassi costi.

L’integrazione tra la Citofonia e la Telefonia è stata sempre oggetto di innumerevoli soluzioni. Una tra le più comuni è quella di permettere la gestione della chiamata citofonica, e di ciò che ne consegue ossia l’apertura della porta o cancello e l’accensione di luci, attraverso un interno del Centralino Telefonico.

A tale proposito TEMA Telecomunicazioni ha introdotto le interfacce Cito-Telefoniche AA-10 e AA-11 da collegare su un attacco analogico del PBX che risolvono brillantemente il problema offrendo diverse possibilità. Le interfacce sono compatibili con la totalità dei citofoni tradizionali e dei centralini delle più prestigiose marche in commercio.

Applicazioni

  • Aziende, Uffici, Hotel
  • Industrie, Reparti Ospedalieri
  • Supermercati e Centri Commerciali
  • Abitazioni e Condomini
  • Ovunque sia necessario interfacciare un citofono tradizionale a 4 o 5 fili su un normale doppino telefonico terminante su un Centralino Telefonico

Soluzione 1: Utilizzo della interfaccia AA-10 per collegare un citofono tradizionale su un traslatore urbano analogico del PBX

L’interfaccia AA-10 consente la gestione di un citofono analogico esterno a 4 o 5 fili tramite collegamento ad un ingresso di linea urbana del centralino (PBX) affinché, quando un visitatore esterno preme il pulsante di chiamata del citofono, AA-10 generi una chiamata verso il telefono interno gestito dall’operatore preposto all’accoglienza aziendale permettendo allo stesso, tramite codici DTMF, di rispondere alla chiamata citofonica, di aprire la porta, accendere luci di cortesia o gestire altri dispositivi con i 3 Relè di cui è dotato il dispositivo.

AA-10, a differenza di altri prodotti sul mercato, ha in dotazione un relè di potenza con portata fino a 5A in grado di azionare una serratura elettrica e 2 relè (con portata fino a 1A) per comandare altri dispositivi ausiliari.

Soluzione 2: Utilizzo della interfaccia AA-11 per collegare un citofono tradizionale su un derivato interno di tipo analogico del PBX

L’interfaccia citofonica AA-11 consente di adattare qualunque citofono (a 4 o 5 fili) ad un derivato interno del PBX per gestire il posto citofonico da un qualsiasi interno dell’impianto telefonico. In pratica, quando un visitatore preme il pulsante-chiamata del posto citofonico, AA-11 genera una chiamata verso un numero di interno (fino a 3 interni programmabili) mettendo in comunicazione il visitatore con l’operatore.

E’ disponibile una versione di AA-11 con rilevamento dei toni di svincolo, in modo che al riaggancio dell’interlocutore AA-11 provvede automaticamente ad abbattere la chiamata. E’ possibile regolare i parametri di sensibilità del circuito di rilevamento toni, in modo da adattare l’interfaccia al proprio PBX.

È possibile eseguire ben 9 comandi operativi direttamente dall’apparecchio telefonico interno quali: impostazione del numero di interno da chiamare (fino a 3 numeri), attivazione della conversazione, apertura serratura elettrica del cancello o della porta, accensione delle luci, ecc. AA-11 viene equipaggiato con 1 relè apriporta e con 2 relè ausiliari che possono essere impiegati per accendere, ad esempio, eventuali luci esterne o attivare altri dispositivi.
La personalizzazione dei parametri di funzionamento del relè apriporta (numero di scatti configurabili), e dei relè ausiliari (modalità impulsiva o passo-passo), unitamente alle dimensioni ridotte, rendono l’interfaccia AA-11 un valido e flessibile apparecchio per diverse esigenze.

Installazione ed utilizzo delle interfacce AA-10 e AA-11

Di seguito sono riportati alcuni esempi di collegamento con varie tipologie di citofoni. Sarà quindi sufficiente individuare il proprio modello ed eseguire le connessioni come indicato.

Specifiche e Caratteristiche dei Prodotti

Dimensione L52 x H90 x P60 mm
Tipo di montaggio barra DIN
Temperatura di funz. 0° C – 45° C
Umidità relativa 95% non condensante
Peso 180 gr
Alimentazione/Assorbimento 12VDC/VAC (alimentatore opz. mod. T7012L) – 180mA
Portata relè apriporta 24VDC / 5A – (Relé 250VAC / 6A)
Portata relè ausiliari 24VDC / 1A – (Relé 120VAC / 1A)
  • Collegabile con tutti i citofoni a 4 o 5 fili in commercio
  • Montaggio a barra DIN
  • 1 Relè di potenza apriporta e 2 relè ausiliari (accensione luci esterne)
  • Numero di impulsi di apertura e durata chiusura contatto configurabili
  • Relè ausiliari configurabili con modalità passo-passo e impulsiva
  • Programmazione da un normale telefono con 8 comandi operativi
  • Memoria di programmazione permanente (anche in assenza di alimentazione)
Dimensione L52 x H90 x P60 mm
Tipo di montaggio barra DIN
Temperatura di funz. 0° C – 45° C
Umidità relativa 95% non condensante
Peso 180 gr
Alimentazione/Assorbimento 12VDC/VAC (alimentatore opz. mod. T7012L) – 180mA
Portata relè apriporta 24VDC / 5A – (Relé 250VAC / 6A)
Portata relè ausiliari 24VDC / 1A – (Relé 120VAC / 1A)
  • Collegabile con tutti i citofoni a 4 o 5 fili in commercio
  • Montaggio a barra DIN
  • Possibilità di rilevamento toni di occupato
  • 1 Relè di potenza apriporta e 2 relè ausiliari (accensione luci esterne)
  • Fino a 3 numeri di interno configurabili per mancata risposta
  • Numero di impulsi di apertura e durata chiusura contatto configurabili
  • Relè ausiliari configurabili con modalità passo-passo e impulsiva
  • Programmazione da un normale telefono con 9 comandi operativi
  • Memoria di programmazione permanente (anche in assenza di alimentazione)
Depliant e manuali tecnici dei prodotti sono scaricabili nelle sezione /Documentazione